Comune di Siddi

Programma amministrativo

Tematiche sociali

In questi anni di grande disagio sociale ed economico, il nostro comune non ha rinunciato, seppur con grandi difficoltà, ad un efficace intervento sul welfare, mantenendo alto il livello dei tanti servizi erogati.

Si ricorda a questo proposito il campo d'azione degli interventi che hanno riguardato le politiche del lavoro (reinserimenti lavorativi, cantieri ad hoc anche regionali, riguardanti il verde pubblico ed i vari uffici comunali), l'abbattimento dei costi essenziali (bonus energia), l’attenzione per le povertà estreme anche con interventi del PLUS, la salute ed il benessere (servizi di prelievo a domicilio, Shiatsu, giornate della salute, gita/soggiorno anziani), l'istruzione (sostegno finanziario per il funzionamento ordinario delle attività didattiche; buoni acquisto libri; buoni mensa e rimborso viaggio; borse di studio per le scuole di primo e secondo grado e per studenti universitari; contributi per viaggi d'istruzione).

Sarà nostro preciso impegno garantire nei prossimi anni, sia la quantità che la qualità delle varie iniziative e compatibilmente col reperimento di altre risorse, arricchire con progetti mirati la gamma dei servizi, recuperando anche chi, fino ad oggi, è rimasto ai margini dell'offerta. Ci riferiamo per esempio agli anziani che per vari motivi non partecipano alle gite né ad altre attività sociali; pensiamo alla individuazione di spazi destinati all’incontro e alla socializzazione, anche con iniziative riguardanti l'approfondimento dello studio della lingua sarda. A questo proposito ci piacerebbe costituire il “Consiglio Comunale dei Nonni” al fine di evitare il disagio dell’isolamento e della solitudine e, soprattutto, per cogliere i consigli dei nostri anziani e carpire la loro proverbiale e riconosciuta saggezza. Con la collaborazione degli operatori della Casa degli Ulivi Secolari pensiamo, inoltre, alla possibilità di far partire utili servizi domiciliari, come ad esempio lavanderia e catering forniti dalla stessa casa di riposo.

 

Formazione

La formazione (possibilmente in collaborazione con amministrazioni sensibili) sarà sostenuta attraverso attività artistico-culturali extrascolastiche (musica, pittura, murales, scultura, teatro) che possano essere qualificanti (informatica, lingua straniera e educazione civica) e, alcune, di portata Nazionale (Monumenti Aperti)

La biblioteca, già ricca di libri e delle ultime tecnologie multimediali, deve essere un importante punto di riferimento per ogni attività di formazione.

L’attenzione per i nostri ragazzi, che incarnano il futuro, e la loro responsabilizzazione, suggerisce la riproposizione di costituire il “Consiglio Comunale dei Ragazzi” con l’auspicio di una completa collaborazione con gli insegnanti e con la nuova dirigenza scolastica.

 

Politiche agricole e territorio

Dall’analisi dei dati in nostro possesso è emerso che nel comune di Siddi opera un importante numero di aziende dedicate all’agricoltura e all’allevamento. La maggior parte di queste realtà sono, purtroppo, sottodimensionate quanto a produttività, numero di persone impiegate e utilizzo di impianti tecnologici e, solo alcune di loro, seguono un trend positivo sotto tutti profili. Nonostante le oggettive difficoltà, tutte assolvono in modo esemplare al compito di salvaguardia del nostro patrimonio e paesaggio rurale proteggendolo dagli incendi, dall’erosione e dalla invasione di arbusti. Gli agricoltori e gli allevatori rappresentano, inoltre, una immensa risorsa culturale essendo i veri depositari di preziosi saperi da trasmettere con passione alle nuove generazioni. Consapevoli della grave congiuntura economica, ma convinti della bontà del progetto, nei prossimi 5 anni, metteremo in campo tutte le energie di cui disponiamo, per sostenere coloro che credono che il territorio sia il bene più prezioso da cui trarre reddito e sostentamento. In particolare ci impegneremo nello stimolare e favorire l’insediamento dei giovani agricoltori, nonché l’ammodernamento delle aziende, con particolare attenzione per le colture di grano duro, cereali, leguminose e delle ortive di campo protette.

Sensibili alle tematiche verdi, oltre alla necessaria pulizia degli alvei dei ruscelli e la manutenzione delle strade rurali, proponiamo piena collaborazione con tutti coloro che come noi hanno a cuore la tutela del paesaggio, la conservazione e la protezione dell’habitat, della flora e della fauna autoctone; in particolare saremo disponibili per le azioni volte ad incrementare il parco boschivo, sostituendo le specie non autoctone con mandorleti ed uliveti.

Con l’istituzione e recente redazione del piano di gestione della ZPS, nonostante in principio apparisse penalizzante ricadere nella suddetta area, si aprono per il nostro territorio nuove possibilità, tra cui l’inclusione alla partecipazione a bandi comunitari volti alla tutela del paesaggio e dei prodotti locali. Forti anche di questo elemento, con finanziamenti dedicati, saremo in prima linea per l’attivazione di corsi di salvaguardia del suolo, di formazione per la tutela ambientale e guide paesaggistiche. Ci incuriosiscono inoltre colture antiche e moderne, quelle biologiche, quelle biodinamiche, la permacultura, che potrebbero essere motivo di interesse per gli agricoltori del terzo millennio che già da altre parti hanno introdotto questo tipo di innovazioni, contribuendo anche alle Buone Condizioni Agronomiche Alimentari (BCAA). In accordo con le nostri convinzioni abbiamo favorito la costituzione della Organizzazione di Produttori, che conta al momento circa 270 soci (molti dei quali di Siddi). Questa cooperativa ha consentito agli allevatori di poter concordare il prezzo del latte, degli agnelli e della lana includendo trasformazione e vendita diretta, chiudendo così la filiera. Sulla scia di questa esperienza, la nostra amministrazione ha sposato il progetto della Società Cooperativa “Primavera Marmilla”, costituita da un gruppo di agricoltori della Marmilla. I soci della cooperativa (alcuni dei quali di Siddi) che hanno già ottenuto dal GAL meritati riconoscimenti, hanno presentato presso il Consorzio “Sa Corona Arrubia” un progetto piuttosto ambizioso sul mandorlo riguardante la coltura, la raccolta, la trasformazione, la vendita del prodotto grezzo e trasformato. Questi esempi di associazionismo e filiere complete, saranno certamente capaci di dare fiducia e speranza alle nuove generazioni come esperienze di imprenditoria agricola e di associazionismo comunale ed intercomunale, con la finalità di produrre beni alimentari di qualità certificata (DOP e IGP). A riprova del grande interesse in questo lungimirante progetto, l’Amministrazione ha concesso in locazione alla Società Cooperativa “Primavera Marmilla” un terreno nel quale la stessa ha provveduto alla messa a dimora di un migliaio di alberi, donati dal Comune. Diversi operai di Siddi sono stati impiegati per la piantumazione, mentre altri hanno prestato la loro opera nei processi di sgusciatura, selezionatura e calibratura.

È con questo spirito che nei prossimi anni vorremmo estendere ai privati la gratuità di piante che, gli interessati al progetto, potranno piantumare nei loro terreni.

 

Politiche energetiche

Una politica rivolta all'efficientamento e al risparmio energetico è da sempre una nostra priorità. Vogliamo continuare nel percorso intrapreso in questi anni, promuovendo investimenti nel campo delle fonti rinnovabili e adottando nuovi interventi mirati alla tutela dell’ambiente per lo sviluppo sostenibile del territorio. È in quest’ottica che abbiamo sottoscritto con entusiasmo il Patto dei Sindaci, principale movimento mirato a coinvolgere le comunità locali nella lotta contro il cambiamento climatico, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 20% entro il 2020. Per perseguire questo ambizioso obiettivo Siddi, in collaborazione con molti comuni dell'Unione, si è proposto come comunità capofila nella predisposizione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES), contenente una serie di misure concrete finalizzate all’ottimizzazione dei consumi energetici e dello stato emissivo.

Gli interventi qualificanti il progetto riguarderanno in particolare gli impianti di illuminazione pubblica, con la sostituzione dei vecchi corpi illuminanti obsoleti con lampade a LED a basso consumo. Questo permetterà sia di ridurre le emissioni che i costi legati all’energia elettrica; inoltre si interverrà nei processi di ottimizzazione del riscaldamento e della dispersione energetica negli edifici pubblici, nonché nella valutazione della opportunità di installazione di nuovi impianti comunali per la produzione di energie rinnovabili e con l'attuazione di campagne di sensibilizzazione dedicate alla raccolta differenziata e gestione dei rifiuti.

 

Infrastrutture

L’attenzione e la cura del centro abitato (viabilità urbana ed extraurbana, camminamenti, marciapiedi, spazi verdi, arredi urbani) partirà dalla predisposizione di proposte progettuali destinate alle urgenze infrastrutturali più significative, per non essere impreparati di fronte a potenziali fonti di finanziamento da cui poter attingere per l’esecuzione dei lavori. Questo sarà reso possibile attraverso il monitoraggio continuo ed aggiornato delle emergenze, derivante dalle osservazioni e dalle richieste dei cittadini, che consentirà di dettagliare una lista di priorità che, grazie alle pratiche di manutenzione ordinaria e/o straordinaria, non permettano il sopraggiungere di degrado e fatiscenza, come purtroppo verificatosi per numerose case disabitate del paese.

Per questi edifici una possibilità potrebbe derivare da politiche di recupero del patrimonio architettonico accedendo a finanziamenti regionali dedicati, come già avvenuto negli anni passati per l’edilizia a canone moderato.

Si sottolinea, inoltre, la presenza di alcuni fabbricati caratterizzanti parte della storia di Siddi e dei Siddesi.

La Casa Garau, importante esempio di casa padronale che incarna le tradizioni di un fare che appartiene al nostro passato, necessita certamente di un restauro architettonico, sia per recuperarne le parti strutturali e materiche, ma anche per conferirle nuova funzionalizzazione che ben si adatti alle esigenze dei cittadini di oggi.

La Casa Matta, con l'imminente costruzione del nuovo ambulatorio comunale, potrà diventare lo spazio in cui localizzare le diverse realtà associative presenti nella nostra comunità, con l’auspicio che l’avvicinamento fisico possa far nascere altre forme di unione.

L’ex Pastificio Puddu, grande contenitore che, grazie agli importanti interventi di recupero sviluppati in questi anni, attende di portare a termine la sua mission. Gli interventi che l’hanno interessata, riguardanti la realizzazione della sala congressi e degli spazi destinati alle attività commerciali, seguono la linea che dalla tradizione prosegue con continuità diritta verso la strada dell’innovazione. Gli spazi restituiti alla comunità vanno intesi come possibilità di crescita culturale, sociale ed economica. La grande operazione di recupero di questo edificio fa parte delle politiche del rilancio di una filiera produttiva che risiede tutta nel territorio, ripartendo dall’originaria vocazione del fabbricato.

 

Nuove tecnologie

Fin dal primo mandato abbiamo creduto nella necessità di favorire la diffusione e il libero accesso alle nuove tecnologie ritenendo l'innovazione vera leva di crescita e sviluppo. È per noi fondamentale continuare questo processo di rinnovamento in forma ancora più efficace. L’obiettivo è quello di realizzare un modello digitale all’interno del quale tutti i soggetti abbiano le stesse opportunità nell’utilizzo della rete, permettendo così la condivisione di informazioni ed esperienze nel territorio. L’introduzione del Wi-Fi gratuito ha portato indubbi benefici ed è quindi nostra intenzione potenziarne il segnale, creando nuove postazioni wireless nelle aree cittadine ancora scoperte. Questo consentirà a cittadini e turisti di navigare sulla rete con maggiore continuità e qualità. Vorremmo colmare il gap digitale con corsi base di informatica, permettendo ad ogni cittadino di acquisire quella dimestichezza necessaria per un moderno utilizzo del computer. Ancora più incisiva dovrà essere inoltre l’azione che già consente ai cittadini l’accesso al portale amministrativo del Comune, con la possibilità per tutti di esprimere la loro opinione su proposte progettuali nonché su attività svolte, interagendo e partecipando così ai processi decisionali. Pertanto il sito del comune verrà implementato con nuove applicazioni web user friendly (di facile utilizzo), migliorandone la veste grafica rendendone maggiormente trasparenti i contenuti. Questo, peraltro, prelude alla possibilità di periodici incontri con i cittadini volti alla condivisione delle attività dell'amministrazione. In sintonia con la vocazione virtuosa del nostro Comune, punteremo altresì ad una “Amministrazione senza carta” attraverso l’utilizzo di una rete locale (Intranet) che consenta un interscambio di documenti tra i diversi uffici, mirando al risparmio di tempo e di denaro. Convinti della bontà di questa idea ci faremo promotori della stessa all’interno dell’Unione dei Comuni, con la finalità di favorire la collaborazione e la gestione a distanza dei numerosi servizi propri dell’ente e del gruppo dei comuni aderenti.

Il tema della sicurezza punto cardine del precedente mandato, ci vedrà ancora impegnati nel rendere Siddi sempre più un paese sicuro, capace di suscitare tranquillità in chi vi vive e lavora. A tal proposito intendiamo potenziare i presidi di videosorveglianza per il completo controllo del territorio e per la tutela del patrimonio pubblico.

 

Sport

Per stimolare una generazione sempre più pigra, riteniamo fondamentale il rilancio delle attività sportive e ricreative. Partendo dai più giovani, puntiamo alla riscoperta della bellezza dello sport, sia come momento di aggregazione e di svago, sia come valido strumento di prevenzione di disordini fisici nonché psicologici. Esigue risorse umane e finanziarie impongono, oggi più che mai, una stretta collaborazione con i comuni limitrofi. Sarà nostra cura reperire i fondi necessari alla graduale riqualificazione ed il necessario ammodernamento del campo sportivo e degli spazi attigui.

La nostra idea prevede la creazione di un’unica associazione sportiva dilettantistica, che si possa legare all'Unione dei Comuni della Marmilla, che permetta di superare l'handicap dei numeri, siano essi di natura anagrafica che monetaria. Superate le probabili resistenze di campanile, tutti avremmo da guadagnare nel vedere i nostri giovani impegnati nelle diverse discipline sportive, altrimenti non praticabili. Sarebbe logico iniziare dal gruppo dei giovanissimi con i quali preparare il terreno per una successiva auspicabile collaborazione tra le società già esistenti sul territorio e quando ve ne fossero le condizioni, dare vita a delle vere fusioni societarie. La nostra palestra comunale, appena ristrutturata, sarebbe perfetta come centro polivalente da utilizzare, in collaborazione con le vicine Amministrazioni Comunali, nell'organizzazione dei vari eventi sportivi che tutte le associazioni presenti nel territorio volessero rappresentare. In previsione di questo progetto, sarà nostra cura reperire i fondi necessari alla graduale riqualificazione ed il necessario ammodernamento del campo sportivo e degli spazi attigui. Sulla base delle risorse disponibili, verranno valutati in particolare alcuni interventi: la ristrutturazione degli spogliatoi ed aree connesse; l'impermeabilizzazione e copertura delle gradinate con creazione di due locali sottostanti; la manutenzione della recinzione bordo campo; interventi per il risparmio energetico ed idrico; realizzazione di un piccolo punto-vendita per le manifestazioni sportive; la manutenzione del campo da calcio a 5; la realizzazione di un campo da gioco in materiale sintetico.

 

Eventi

Certi della bontà progettuale, con rinnovate energie, ci prepariamo a rafforzare le iniziative che hanno fatto di Siddi un “piccolo centro culturale”. Sarà per il nostro gruppo, principale e puntuale impegno, intensificare la collaborazione con tutte le associazioni di volontariato che con noi vorranno continuare ad occuparsi delle manifestazioni che fanno di Siddi punto di riferimento della Marmilla intera. Ci riferiamo alla Festa della Pastorizia, a Monumenti Aperti, alle giornate di Sport Insieme ed in modo particolare al grande capolavoro di Appetitosamente, che negli anni è diventato il grande evento culturale che porta il nome di Siddi e dei Siddesi ai livelli di eccellenza nelle kermesse gastronomico-culturali della Sardegna. Convinti della grande potenzialità dell’evento, ci piacerebbe che la X edizione della nostra festa, fosse l’inizio di un rinnovato percorso, capace di stimolare e sostenere lo sviluppo del territorio comprendente le comunità vicine che con noi condividono, oltre alle difficoltà economiche, quelle legate alla cronica stagnazione di idee e progetti. Proprio per questo, ribadiamo la nostra candidatura ad un ruolo guida in questo processo di crescita del territorio; d'altronde Siddi ed i Siddesi tutti portano in dote, oltre alle esperienze fin qui ricordate, una tradizione che parla di eccellenze imprenditoriali che dalla Pasta Puddu, pasta dei Sardi, arriva ai giorni nostri con grandi Chef, interpreti d’eccezione, che oltre ai meritati riconoscimenti nazionali ed internazionali, rappresentano per Siddi e per tutto il territorio irrinunciabili opportunità, anche economiche. In questo senso ricordiamo la necessità di rivalutare quei percorsi virtuosi che vedono l’Accademia, quale università dell’alta cucina, aperta anche alle scuole alberghiere del territorio. Proprio in sinergia con l’Accademia, anche sul filone dei mercati della terra di Slow Food, ci piacerebbe istituire il mercato della domenica, occasione di incontro tra produttori e consumatori. Sempre su questo tema, in collaborazione anche con la Pro-Loco, si potrebbero interpretare le stagioni, completando con manifestazioni primaverili ed invernali, la riuscita Festa del Vino e dell'Olio. Consapevoli della bellezza del nostro territorio e dei nostri monumenti, proponiamo nei prossimi anni, maggiore incisività nella promozione e valorizzazione di queste risorse, con appuntamenti dedicati, anche avvalendoci della collaborazione di esperti locali ed internazionali.